Archivi categoria: riflessioni

riflessioni #1

Io sono il frutto di quello che mi è stato fatto. È il principio fondamentale dell’universo: a ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria.

-V per Vendetta.

Ho sempre pensato che infondo noi non siamo realmente come siamo per una sorta di autodetermianzione, non siamo noi stessi per noi stessi, siamo il frutto di quello che la gente ha determinato che fossimo… Infondo ogni persona che passa lascia un pò di se stesso dentro di noi, che ci feriscano, che ci aiutino a sollevarci, i cambiamenti che determinano nella nostra anima fanno in modo che noi siamo di volta in volta diversi…questo non vuol dire che siamo “instabili”, falsi o non autentici, ma che lo vogliamo o no le persone che incrociamo ci migliorano o ci peggiorano, ci rendono: cinici, innamorati, legati, incazzati, ci rendono in tanti modo diversi, insomma ci “formano”, ci “modellano”,  a meno che non ci sfiorino appena, tanto da non lasiciare neanche il segno allora sono inifluenti…

Questa è la debolezza che mi ha procurato più guai. Cercando di essere gentile con gli altri spesso mi ritrovo con l’anima a fettucce, ridotta ad una specie di piatto di tagliatelle spirituali. Non importa…Il mio cervello si chiude. Ascolto. Rispondo. E sono troppo ottusi per rendersi conto che io non ci sono.

-Charles Bukowski.

Annunci