Archivi categoria: chiacchiere

Juice plus + Shake diet

Premetto che in generale sono a favore di una dieta sana, bilanciata e sopratutto personalizzata ma il tempo stringe e l’estate é arrivata, in questi mesi non sono riuscita a togliere la zavorra invernale nonostante mi sia rivolta a personale esperto, forse perché non sono costante e sono golosa, perché ho una vita poco regolare fitta d’impegni; così ho deciso di affidarmi ad un miracolo, consapevole che potrebbe essere una beffa: Juice Pluse+.
Quello che ho trovato sono coach esperti disponibili 24/24 per eventuali dubbi!
La prima settimana si segue una dieta detox atta a far funzionare meglio lo Step successivo. Nella prima settimana la dieta è sana ma poco varia: ogni pasto é preceduto sempre da un insalata, a pranzo c’è quasi sempre la pasta integrale e di sera carne o pesce.
La seconda e terza settimana prevede di sostituire: un giorno due pasti principali con gli shake ; il secondo giorno un solo pasto, alternando così le due settimane. Alla 4a si consumerà un solo shake.

Il mio pacchetto comprende:
3 complete a vaniglia
3 complete al cioccolato
2misurini
1 confezione di booster

Sì mescola un misurino preferibilmente a 250ml di latte vegetale e si può aggiungere yogurt o frutta fresca a piacere. Ogni pasto sostitutivo può essere preceduto da un insalata e per gli attacchi di fame frutta senza limiti.
Con questa dieta ho perso solo con la detox 2.8kg ovviamente l’impresa é sempre soggettiva, questa é solo la mia esperienza che é lungi dal voler far pubblicità! Ditemi la vostra esperienza!

xoxo Lux


Concorso Infermieri Bologna 2016

Eccomi di ritorno dal concorso per infermieri tenutosi il giorno 24/5 e 25/5 presso Unipol Arena di Bologna. Il concorso per un posto per cpsi abbraccia gli Ospedali : L’azienda USL di Imola, L’istituto Ortopedico Rizzoli e S.Orsola-Malpighi di Bologna, con graduatorie di 3 anni. A presentare la domanda sono stati in circa 16.000 a presentarsi invece sono stati 10.000.

L’organizzazione loggistica è stata eccellente: in stazione c’erano navette che partivano ogni 10 minuti dalle 9,30 alle 11,30; la distribuzione dei concorrente nei vari ingressi è stata tale da non ingorgare troppo i passaggi e per non rendere lente e poco scorrevoli le file per il riconoscimento.

13267723_1096575553747394_8847511694501312650_n

“Noi siamo pronti!” incita al microfono la presidente di commissione dott.ssa Meris Fiamminghi, in foto parte di quei su citati disperati accorsi da tutto il paese per toccare un sogno, persone che scappano da piccole realtà disarmanti, niente ovviamente al confronto di quel tanto citato terzo mondo sia chiaro, infermieri disoccupati che in una corsia non hanno mai messo piede dopo la laurea, ognuno con la propria piccola storia ma tutti con la voglia di lavorare che tanto la pretesa di migliorare il mondo l’abbiamo persa. In Italia c’è carenza di personale infermieristico eppure vincere un concorso sembra un miraggio: 40 domande in poco meno di 30 minuti, le prime file iniziano prima di tutti e a mio avviso finiscono anche dopo, le ultime file hanno ricevuto il compito, non sigillato circa 15minuti dopo. Io ricordo di aver ricevuto il monito del ritiro circa 10 minuti dopo aver avuto il compito. Un’altra considerazione da fare è che la prova della seconda giornata era identica a quella del giorno precedente per cui i candidati del 25 erano nettamente avvantaggiati! In tutta onestà io credo di non essere passata, ma io sono tra le fortunate a possedere un indetermianto vicino casa, mi spinge a guardare nuovi orizzonti solo la voglia di una maggior dignità professionale. Ai miei colleghi non posso che dire:

 Tanti auguri ragazzi in bocca al lupo che nessuno mai vi levi la voglia di portare sollievo!


sevizio polabox

Chi è più grandicello senz’altro ricorderà le vecchie foto istantanee polaroid oggi quasi del tutto scomparse se non un’autentica chicca da parte di qualche geek/nerd/hipster (del cazzo) o di un vero amatore delle foto, il servizio polabox racchiude l’idea di stampare in illo formato le foto che si condividono sui vari (di)social network in giro per i meandri intrigati della rete, e pare che ogni giorno ne spunti uno nuovo, approfittando dello voucer che mi ha regalato la box de la louise anche io ho selezionato le mie foto preferite dai vari profili. Ho scelto le foto che mi ricordano i periodi più felici, i look più giusti e le mie immancabili foto di gatti randagi. Il sito ti permette di scrivere sotto le foto delle piccole annotazioni scegliendo in tre possibili form, di modificare con un piccolo sopraprezzo, di centrare le foto come meglio ci piacciono. Il pacchetto composto da 30foto costa 16,90; le spese di spedizione invece si aggirano intorno ai 5euro, ma grazie al coupon le foto arriveranno a casa mia completamente gratis 😉 e le appenderò alla parete tramite il portafoto che mi ho receuto della Louise di ottobre.

IMG_20141023_125901


I miei nuovi compagni

image

Stamattina io ed il Pandino ci sentivamo un po soli così siamo andati a fare un giro alla Feltrinelli a prendere dei nuovi compagni:
Il disco degli Afterhours per i nostri lunghi viaggi e il libro di Palahniuk (il mio mentore) per me.
Il nuovo disco degl’After  è fondamentalmente un remastered di “hai paura del buio”  del 96, diviso in due cd in cui nella seconda parte troviamo collaborazioni con molti artisti quali: negramaro, samuel romani, ministri, teatro degli orrori, luci della centrale elettrica,  eugenio finardi e tanti altri. 
Xoxo Lux


bacche di goji, che esperienze avete?!

Avete mai sentito parlare della bacche di Goji?! Io ne ero curiosa così ho fatto una piccola ricerchina e convinta ho deciso di provarle.

Il frutto è ricco di sostanze benefiche, tra le quali antiossidanti, vitamine C ed E, sono caudivanti nelle diete, e donano energia. Si può consumare o in uno yogurt natuale, in tisane ed infusi oppure si può mangiare proprio come qualsiasi frutto, ho deciso di provarli, male non fanno purchè non si superi la dose giornaliera di 20gr al dì (2-3cucchiai). Su google si trovano diversi articoli che parlano dei benefici di queste bacche, anche la guru della bellezza naturale, youtuber di successo, carlitadolce ne fa uso.

Voi li avete mai provate?! Che esperienze avete in merito?! Fatemi sapere la vostra!

xoxo Lux


Burka Avenger

Tempo addietro avevo letto sul blog di “un altro genere di comunicazione” circa l’esistenza di un cartone animato chiamato “Burka Avenger”, in cui un eroina in Burka, per l’appunto, combatteva i “cattivi” usando come armi la cultura, lanciando libri e penne…
Bhè, vi starete chiedendo, perchè un post del genere ha riscosso tanto clamore?! Pensateci un pò su e ricordate a cosa siamo abituate noi occidentali, come appunto ci fanno notare le autrici del post, siamo abiuate ad eroine vestite in tutine strette, aderenti ed inesistenti che combattano assumendo pose sexy ed innaturali…e non parlo solo delle eroine americane ma anche delle stesse vestite alla “Marinara” ecc ecc della controparte giapponese, non stò discutendo della profondità degli ideali delle stesse, che poco lo dimostrano durante il combattimento, ma dell’idea del corpo femminile che danno, abbigliate in questo modo, non stò facendo moralismo, ma il cartone animato “Burka Avenger” dimostra che non bisogna essere forti e sexy per combattere il male, ma che la cultura è l’arma sufficiente per deridere il “mostro”, e questo da un insegnamento nella vita reale, ed è questo a cui dovremmo puntare nel crescere i nostri bambini, che siano nostri figli semplici conoscenti o nipoti ecc, oggi si punta troppo sull’apparenza, ma dove la consistenza?!
“Burka Avenger” è un cartone composto da 13 episodi da 22 minuti ciascuno, ambientato in una città immaginaria chiamata Halwapur, a combattere affianco della protagonista ci sono 3 bambini, il cattivo ufficiale è Baba Bandook, a vestire i panni quotidiani dell’eroina è Jiya una maestra 😉

Voi cosa ne pensate?! Vi consiglio di leggere il post che vi ho linkato più sopra.

xoxo Lux


Non ti fidare di chi….

Avrei dovuto intuilo da quel giorno in riva al mare che mai e poi mai avrei dovuto lasciarmi andare con te…già quel giorno mi guardavi come se fossi stata qualcosa di buono da mangiare ed io lo scambiai per “amore” del resto mia madre me l aveva sempre detto: ” non ti fidare di chi ti bacia con gl’occhi aperti”

….avrei dovuto ascoltarla…

Tratto da “your eyes lie” prima edizione feltrinelli del libro che non ho ancora scritto!
Xoxo lux