Archivi del mese: maggio 2016

Concorso Infermieri Bologna 2016

Eccomi di ritorno dal concorso per infermieri tenutosi il giorno 24/5 e 25/5 presso Unipol Arena di Bologna. Il concorso per un posto per cpsi abbraccia gli Ospedali : L’azienda USL di Imola, L’istituto Ortopedico Rizzoli e S.Orsola-Malpighi di Bologna, con graduatorie di 3 anni. A presentare la domanda sono stati in circa 16.000 a presentarsi invece sono stati 10.000.

L’organizzazione loggistica è stata eccellente: in stazione c’erano navette che partivano ogni 10 minuti dalle 9,30 alle 11,30; la distribuzione dei concorrente nei vari ingressi è stata tale da non ingorgare troppo i passaggi e per non rendere lente e poco scorrevoli le file per il riconoscimento.

13267723_1096575553747394_8847511694501312650_n

“Noi siamo pronti!” incita al microfono la presidente di commissione dott.ssa Meris Fiamminghi, in foto parte di quei su citati disperati accorsi da tutto il paese per toccare un sogno, persone che scappano da piccole realtà disarmanti, niente ovviamente al confronto di quel tanto citato terzo mondo sia chiaro, infermieri disoccupati che in una corsia non hanno mai messo piede dopo la laurea, ognuno con la propria piccola storia ma tutti con la voglia di lavorare che tanto la pretesa di migliorare il mondo l’abbiamo persa. In Italia c’è carenza di personale infermieristico eppure vincere un concorso sembra un miraggio: 40 domande in poco meno di 30 minuti, le prime file iniziano prima di tutti e a mio avviso finiscono anche dopo, le ultime file hanno ricevuto il compito, non sigillato circa 15minuti dopo. Io ricordo di aver ricevuto il monito del ritiro circa 10 minuti dopo aver avuto il compito. Un’altra considerazione da fare è che la prova della seconda giornata era identica a quella del giorno precedente per cui i candidati del 25 erano nettamente avvantaggiati! In tutta onestà io credo di non essere passata, ma io sono tra le fortunate a possedere un indetermianto vicino casa, mi spinge a guardare nuovi orizzonti solo la voglia di una maggior dignità professionale. Ai miei colleghi non posso che dire:

 Tanti auguri ragazzi in bocca al lupo che nessuno mai vi levi la voglia di portare sollievo!